Scavi archeologici di Stabia

Gli scavi archeologici di Stabia hanno restituito i resti dell’antica città di Stabia (in latino: Stabiae), nell’area dell’odierna Castellammare di Stabia, presso la collina di Varano, oltre a un insieme di costruzioni che facevano parte del suo ager. La campagna di scavi iniziò nel 1749, durante il regno di Carlo di Borbone tramite cunicoli, mentre per delle indagini ordinate e sistematiche a cielo aperto bisognerà attendere il 1950, anno a partire dal quale fu centrale l’opera del preside Libero D’Orsi.

Di dimensioni minori rispetto agli scavi di Pompei e di Ercolano, permettono di osservare un diverso aspetto dello stile di vita degli antichi romani: infatti, mentre le prime due località erano delle città, Stabia, dopo un passato di borgo fortificato, era in epoca romana un luogo di villeggiatura, in cui furono costruite numerose ville residenziali decorate con pitture e abbellite con suppellettili; non mancavano, tuttavia, ville rustiche.

Gl scavi archeologici hanno riportato alla luce solo una piccola parte dell’antica città: sono visitabili la Villa San Marco, Villa Arianna e il secondo complesso; certa è l’esistenza di altre ville, come quella denominata del Pastore o di Anteros ed Heraclo, ancora parzialmente o completamente interrate, mentre altre ancora sono totalmente inesplorate: nella zona dell’ager stabianus (così veniva chiamato all’epoca dai romani il territorio che ricadeva sotto l’influenza di Stabia e che comprendeva oltre alla cittadina stabiana anche i territori degli attuali comuni di Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità, Gragnano, Casola di Napoli e Lettere), sono presenti una cinquantina di costruzioni tra ville d’otium e ville rustiche.

Per prenotare il tuo soggiorno clicca qui